Manutenzione

I motori elettrici in corrente continua sono concepiti per non essere soggetti a manutenzione. Il test di vita serve infatti a certificare che il motore cc o il motoriduttore cc soddisfi le esigenze di durata dell’applicazione senza bisogno di interventi di manutenzione.

Resistenza dei componenti

Le applicazioni per le quali vengono scelti i motori in corrente continua hanno esigenze di vita che sono compatibili con la vita dei componenti assemblati. Le sollecitazioni in termini di carico applicato che i motori ricevono durante il funzionamento vengono verificate durante il test di vita.

I componenti principali che vengono testati durante le prove di vita sono le spazzole, il cuscinetto, l’albero e le ruote dentate. Questi componenti, sottoposti ad usura meccanica, richiedono di essere provati adeguatamente e prodotti da fornitori affidabili.

L’importanza del test di vita

Per prevenire problematiche di usura o rottura precoce è determinante il test di vita.

Purtroppo ogni applicazione , anche se simile ad un’altra può presentare criticità diverse. Per questo lo stesso motore CC, motoriduttore CC o motoriduttore epicicloidale deve essere testato sempre nella nuova applicazione in cui viene impiegato.

Questa prerogativa ha fatto si che, non dovendo prevedere accessi in particolari parti del motore per effettuare manutenzione, si sia potuto puntare sulla competitività in termini di costi del prodotto e di assemblaggio.