News

Motoriduttori CC GM63-31 e GM63-35

I motoriduttori in corrente continua a spazzole e magnete permanente GM63 presentano l’opzione di due diverse taglie di corpi riduttori in configurazione sia “destra” che “sinistra”.

I riduttori si distinguono per dimensione e classificano i motoriduttori per interasse.

Il più piccolo, l’interasse 31mm, analogo al riduttore assemblato sui motoriduttori D59mm ha quattro rapporti di riduzione, identificati nella dicitura attraverso il numero di principi della vite senza fine dell’albero rotore, ovvero Z1, Z2,Z3 e Z4.

Simile alla classificazione dei motoriduttori D59mm, i motoriduttori in corrente continua a spazzole e magnete permanente GM63 sono rappresentati dalla stessa dicitura. Per esempio GML63-31-Z1.

Il riduttore più grande, l’interasse 35mm, dispone invece di 3 diversi rapporti di riduzione ad un principio ed di uno a quattro principi.

Per uniformità nella dicitura, la classificazione diventa Z1e Z4.

Alcuni esempi dei motoriduttori GM63 possono essere visionati nei seguenti Link: GMR63-31-Z1-H, GML63-31-Z4-H; GMR63-35-Z1-H; GML63-35-Z4-H.

Perché un motoriduttore GM63?

La costruzione dei motoriduttori CC GM63 è caratterizzata dallo statore costituito da un tubo tagliato, in cui sono fisati i magneti permanenti e da una flangia posteriore pressofusa.

Tale configurazione, nonostante un evidente, inferiore livello di industrializzazione rispetto ai motoriduttori GM59, offre però maggiori possibilità di personalizzazione.

Di seguito alcuni esempi:

  • Lo statore realizzato mediante tubo tagliato e flangia posteriore pressofusa permette di produrre la lunghezza desiderata dello statore, laddove sopravvengano particolari esigenze di spazio o di prestazioni.
  • La flangia posteriore pressofusa permette l’alloggiamento dell’encoder che nei motoriduttori D63mm può avere anche due sensori di Hall.
  • La suddivisione dello statore in due componenti permette di alloggiare nella parte posteriore componenti aggiuntivi come un freno integrato.
  • La flangia posteriore pressofusa può essere facilmente rilavorata, o ridisegnata secondo specifica richiesta.

 

SCHEDE TECNICHE INTERATTIVE

In ogni scheda tecnica interattiva il motoriduttore CC a spazzole è configurabile scegliendo:

  • L’albero di uscita del riduttore
  • Il filtro antidisturbo
  • L’encoder (nelle versioni per cui è previsto)
  • La curva caratteristica.

Ad ogni scheda tecnica interattiva corrisponde un solo rapporto di riduzione.

L’albero di uscita del riduttore può essere scelto nel menù a cascata. Eventuali altre geometrie possono comunque essere richieste specificandone i dettagli nel form per le richieste, in fondo (è anche possibile allegare file).

Il filtro EMC a disposizione è quello standard per tutta la famiglia di motoriduttori CC GM63.

Alternativamente, per ora, si può scegliere la versione senza filtro.

L’encoder può essere ad uno o due sensori di Hall ed è sempre alloggiato internamente, nella flangia posteriore. Tra le opzioni vi sono le tensioni di alimentazione dell’encoder ed il numero di poli dell’anello magnetico.

La curva caratteristica interattiva si determina inserendo nelle apposite caselle il numero di Giri a Vuoto desiderati del motoriduttore CC a spazzole e la tensione di alimentazione desiderata. Appena la curva compare nel grafico, sarà possibile per ogni punto di lavoro leggere i valori di coppia, corrente, velocità ed efficienza.