Come leggere le curve caratteristiche?

Curva caratteristica

Nel primo quadrante degli assi cartesiani sono raffigurate la coppia, in [Nm] (asse X); la velocità di rotazione, in [Rpm] (asse y1); la corrente assorbita, in [A] (asse y2); l'efficienza (asse y3) .

Per completezza solo in questo grafico viene rappresentata anche la curva della potenza erogata, in [W] (asse y4).
Nelle schede tecniche la curva di potenza erogata non sarà rappresentata.

Di seguito sono elencati i parametri di riferimento e viene spiegato come interpretare la curva caratteristica.

Area funzionamento in continuo S1  
Tensione nominale Vn [V] Tensione di alimentazione
Velocità a vuoto n0 [Rpm] Velocità del motore senza carico applicato
Corrente a vuoto I0 [A] Corrente assorbita dal motore senza carico applicato
Velocità nominale ηN [Rpm] Velocità minima cui il motore può funzionare in continuo
Coppia nominale MN
[Nm ]
Coppia massima cui il motore può funzionare in continuo
Corrente nominale In [A] Corrente massima cui il motore può funzionare in continuo
Coppia di stallo Ms [Nm] Coppia a rotore bloccato
Corrente di stallo Is [A] Corrente a rotore bloccato
Potenza massima Pmax [W] Potenza massima erogabile dal motore
Efficienza massima ηmax Massimo valore del rapporto fra potenza erogata e potenza fornita (C*ω)/ (V*I) ovvero [Nm*rad *s^(-1)]/ [V*A].

Come leggere la curva caratteristica

Ad ogni valore di coppia corrisponde un numero di giri ed una corrente di assorbimento. Tutti i valori relativi ad una condizione di carico giacciono sempre sulla retta ideale verticale che li unisce e che tocca l'asse x e indica appunto la coppia.

Nel grafico è stata definita poi un'area chiamata "Area di funzionamento continuo" che comprende tutte le condizioni di carico fino a quella nominale.

La condizione di carico nominale è l'ultima, in ordine crescente di carico applicato, per la quale il motore può funzionare continuativamente senza danneggiarsi.

I dati nominali inseriti nelle schede tecniche sono indicativi e per l'omologa del prodotto è sempre necessario eseguire un test di vita.

Per quanto concerne la durata del motore cc o del motoriduttore cc non ci sono parametri univoci per determinare la vita del motore sottoposto ad un certo ciclo di vita ed un determinato Duty Cycle.

Ogni applicazione ha infatti proprie peculiarità, come attriti, impuntamenti, condizioni climatiche particolari, che possono condizionare anche sensibilmente la durata delle spazzole.

Tolleranze della curva caratteristica

Se non altrimenti specificato, sono da considerare come campo di tolleranza per la velocità le due linee parallele alla retta di velocità tracciate partendo dal ±10% del valore di velocità a vuoto.

Per la corrente di assorbimento è da considerare invece il ±10% di ogni valore di corrente.

Queste tolleranze valgono a motore freddo (20°C).